I vini rossi sono ottenuti da uve rosse attraverso un processo di vinificazione in cui il mosto fermenta a contatto con le bucce; questa macerazione provoca l’estrazione dalle bucce di antociani, che sono i principali responsabili della colorazione del vino, e di altre sostanze polifenoliche, che arricchiscono e contraddistinguono il vino rosso per profumo, sapore e struttura. Il processo di vinificazione ha una durata variabile (da un minimo di 6-7 giorni ad un mese di macerazione), durante il quale i vignaioli possono adottare alcune delle più svariate tecniche, ognuna delle quali contribuisce a conferire al vino uno stile unico.


Al termine del processo di vinificazione, il vino rosso viene sottoposto ad una fase di invecchiamento; questo è regolato dalle regole dei rispettivi disciplinari di produzione e può avvenire in botti di diverso tipo, di diverse dimensioni e per diversi periodi, a seconda anche delle proprietà che si vuole conferire al vino. Le botti più comuni per l’invecchiamento sono in acciaio, legno, cemento, anfora e vetro. In generale, l’affinamento in acciaio, vetro o cemento (oltre all’anfora) preserva le caratteristiche primarie del vitigno, mentre il prolungato affinamento in botti di legno arricchisce i profumi ei sapori del vino e lo rende più morbido ed elegante.

Visualizzazione di 1-12 di 24 risultati